Branding

Category Archive Branding

branding

Branding: 8 Consigli per costruire il tuo marchio su Instagram

I social media sono un potente alleato per chi fa business online e per aumentare in modo massiccio la tua presenza sul Web. Partendo da un budget minimo di spesa puoi raggiungere migliaia di persone in rete, ad esempio con piccole inserzioni su Facebook puoi ottenere ottimi risultati. Per quanto efficaci e poco costosi possano essere gli annunci su Facebook, la triste verità è che il traffico e le attività degli utenti su questa piattaforma si sono via via stabilizzati negli ultimi anni.

Un piano ben strutturato di social media marketing necessita di crescita continua, coinvolgimento e azioni, come i click, pertanto Instagram potrebbe essere la tua migliore opportunità per raggiungere tali obiettivi rapidamente.

Fare Branding su Instagram

Recenti studi attestano che la copertura del traffico organico su Facebook è calata del 63% negli ultimi 4 anni, mentre la copertura del traffico organico su Instagram è aumentata del 115%. La percentuale di utenti che su Instagram interagiscono regolarmente con i brand è più del doppio di quella di Facebook: Instagram ha il 58% di engagement in più rispetto a Facebook.
Inoltre, Instagram ha un valore medio degli ordini più alto di Facebook; le aziende su Facebook raggiungono solo il 6% dei loro followers per ogni post pubblicato, mentre su Instagram raggiungono il 100% dei loro followers.

Più engagement e un considerevole aumento della copertura organica. Il verdetto è chiaro: trasferire i tuoi sforzi di marketing su Instagram è una mossa intelligente.

Se non hai ancora incluso Instagram nel tuo piano di marketing online o se hai solo bisogno di nuovi spunti per sviluppare meglio la tua attività di branding sul medesimo, noi di Supporto Marketing abbiamo raccolto otto suggerimenti per avere successo su questo social network.

8 Consigli per costruire il tuo marchio su Instagram:

1) Usa una grafica chiara

Il tuo marchio deve essere prima di tutto riconoscibile. Questo incentiva gli utenti ad agire. Per riuscire a fare ciò, devi soltanto seguire quattro regole fondamentali:

  1. Crea immagini coerenti sia nello stile che nella qualità;
  2. Scegli una combinazione di colori ed attieniti ad essa ogni volta che puoi;
  3. Se utilizzi i filtri, assicurati di utilizzare gli stessi;
  4. Evita di riempire le tue immagini con didascalie e contenuti di testo.

Seguendo attentamente questi piccoli suggerimenti, il tuo brand risulterà immediatamente riconoscibile.

Il caso Nike

Nike costruisce la propria presenza online (e offline) attraverso immagini motivazionali con atleti e clienti. Lo slogan iconico “Just Do It” è il fulcro della sua strategia di branding e puoi leggerlo su tutti i canali social su cui è presente. Quando ti capita di vedere un suo post, sai che è Nike. Non occorre alcun marchio o logo in bella vista.

Perciò sii creativo. Non basta scattare la foto di un prodotto e scegliere un filtro, per quanto bello. La soluzione per creare qualcosa di diverso e unico potrebbe essere più semplice di quanto pensi.

Se le tue risorse sono limitate, puoi creare immagini con citazioni o inserire le testimonianze dei tuoi clienti e persino scattare le anteprime dei prodotti con il tuo cellulare. Assicura sempre la qualità e la giusta combinazione di colori.

2) Rivolgiti ad un professionista

Se non sei un creativo di professione e le tue immagini non catturano abbastanza bene l’attenzione, non preoccuparti: c’è un po’ di arte in ciò.

Considera di rivolgerti ad un social media manager con esperienza nel campo della fotografia. Trasformare i tuoi followers in clienti richiederà ben più di una dozzina di belle immagini su Instagram, quindi è meglio investire subito.

Se hai già un professionista del marketing che cura le pubblicazioni sui tuoi canali social, puoi valutare l’outsourcing di risorse visive. I fotografi possono fare una serie di servizi fotografici e fornirti immagini da utilizzare sul tuo sito web, sul tuo blog e naturalmente sui social media.

3) Usa hashtag rilevanti

Gli hashtag non sono solo importanti per la tua attività su Twitter, possono anche aiutare gli utenti a scoprire il tuo marchio su Instagram.
Il numero massimo di hashtag che puoi aggiungere a ciascun post di Instagram è 30, ma dovresti cercare di usarne molti di meno. Prova ad inserirne da cinque a dieci e verifica gli esiti dei tuoi post. Se acquisisci nuovi follower e se migliora il tuo livello di coinvolgimento.

Puoi utilizzare gli hashtag specifici della tua campagna e gli hashtag più popolari per ampliare la portata e la copertura potenziale dei tuoi post.  Ricorda che il volume di utilizzo degli hashtag  non è tutto. Lo strumento di ricerca di Instagram è un modo semplice e gratuito per verificare che gli hashtag siano pertinenti.

4) Sii divertente e stimolante

È un concetto ormai acquisito per chi fa marketing e soprattutto per chi lavora sui social media. Eppure, nonostante ciò, risulta molto difficile trovare in rete contenuti originali e in grado di stimolare l’utente.

Il tuo pubblico vuole vedere post interessanti e non la tua pubblicità!

Pertanto assicurati che i tuoi post siano divertenti, stimolanti o per lo meno utili (che abbiano carattere informativo).

5) Fai Repost

Un modo per aumentare il livello di coinvolgimento del tuo pubblico è quello di ripubblicare le immagini pubblicate dai tuoi clienti relative al tuo marchio sul tuo feed personale (ricorda solo di etichettarle). Di sicuro apprezzeranno il gesto e poi hai l’occasione di mostrare di avere molti clienti soddisfatti.

Instagram non consente ancora di condividere le pubblicazioni di altri utenti con i propri followers, ma esistono apposite App sia per Android che per iOS con le quali puoi facilmente superare queste limitazioni. Per fare un repost su Instagram tutto quello che devi fare è scaricare l’App dal tuo store, installarla e loggarti con il tuo account Instagram, autorizzando l’accesso alle tue informazioni.

6) Contatta gli influencer del tuo settore

Il tuo obiettivo è coinvolgere i tuoi follower, ma pure gli altri utenti. Contatta gli influencer del tuo settore, i blogger, trova partner e assicurati di seguirli e interagire con i loro contenuti. Oltre a costruire la tua rete di contatti, potresti anche seguire le riviste di settore su cui vorresti essere presente.

7) Usa il link nella biografia

I link nei tuoi post su Instagram non sono cliccabili, perciò è necessario sfruttare l’unico posto in cui si possono aggiungere, ovvero la sezione Bio che sta sotto il nome nella descrizione sulla parte superiore del tuo profilo Instagram. La maggior parte delle aziende su Instagram si limitano ad usare questo spazio per inserire il link al loro sito web, sfruttando così solo in parte questa opportunità. Dovresti considerare di aggiornare il link regolarmente, specialmente per le promozioni e per gli aggiornamenti dei prodotti: può trattarsi di una pagina di destinazione con offerta speciale, o con la descrizione di una nuova linea di prodotti.

8) Monitora i tuoi risultati

Come per qualsiasi tipo di attività di marketing, tutti i principi valgono ma devono essere verificati. Solo sperimentando puoi scoprire cosa funziona meglio per il tuo brand e cosa fa maggiore presa sul tuo pubblico. Puoi studiare quali sono le tecniche migliori sui tempi e sulle pratiche di pubblicazione, ma è solo attraverso i test che puoi ottenere risultati tangibili e quindi misurabili.

Certamente gli strumenti di gestione dei social media possono servirti  per programmare in anticipo le tue campagne e anche per effettuare l’analisi delle stesse, per misurare il loro successo. Regolarmente, tieni sotto controllo il numero dei tuoi followers, il coinvolgimento e i click, per ottimizzare la tua strategia su Instagram.

Se il contenuto dell’articolo ti è piaciuto, lascia un commento. Se pensi di usare i nostri suggerimenti per raggiungere ancora più potenziali clienti su Instagram, iscriviti al nostro portale sulla pagina Registrati per restare sempre aggiornato e saperne di più.

Giornalista, Web Editor e Copywriter. Mi appassiona ogni forma di comunicazione, in particolare nel contesto pubblicitario, con speciale interesse per lo studio dei linguaggi dei media digitali e del social web. Sono formatore esperta di Web Content Marketing e strategie di Marketing.

branding

7 Strategie di Social Media Marketing per potenziare il tuo business

I social media sono fondamentali per il successo della tua strategia di marketing digitale e per chiunque fa business online.

Nonostante ciò sia ben noto a tutti, le aziende e i professionisti di ogni settore non stanno sfruttando questo strumento al massimo delle sue potenzialità.

Sebbene il numero di “segue”, di “mi piace” e di “condivisioni” sia un dato importante, la credibilità di un brand si fonda su molto altro ancora. Oggi l’uso dei social media richiede un insieme unico di competenze per rispondere appieno alle esigenze connesse al proprio target di mercato.

Per aiutarti abbiamo messo insieme sette strategie di social media marketing che puoi iniziare ad attuare online che tu sia un giovane imprenditore o un’azienda affermata.

7 Strategie di Social Media Marketing per potenziare il tuo business:

Pianifica la tua strategia di content marketing

La qualità dei contenuti come sai è la chiave del successo nel marketing e questo vale anche per Internet. Uno strumento fondamentale per la pianificazione della pubblicazione sui social dei contenuti è la redazione di un calendario editoriale dove stabilire la frequenza corretta dei post e la rispondenza degli stessi ad obiettivi specifici (engagement, leads, ecc).

Contenuti in chiave SEO di alta qualità insieme a quanto sopra ti aiutano attirare i clienti giusti al momento giusto. Assicurati poi di creare campagne e contest con gli hashtag rilevanti insieme al tuo contenuto ottimizzato e completo.

Alimenta la tua community digitale

Sebbene i “follower” siano importanti, non sono l’unico indice di successo sui social media. Devi mostrare al pubblico che non sei un robot. Aggiungi personalità ai tuoi post giocando con l’ironia e le emozioni.

Evita di essere ridondante o ripetitivo sui social, se i tuoi clienti vedono lo stesso tipo di post più e più volte, perdono naturalmente interesse.

Rendi interattive le tue comunicazioni:

  • Fai domande al pubblico.
  • Raccogli opinioni su determinate questioni.
  • Condividi informazioni che arricchiscono gli utenti piuttosto che semplici informazioni sui tuoi prodotti o servizi.

Usa una strategia diversificata di contenuti

Le persone rispondono a belle immagini, video divertenti e anche ai podcast interessanti una volta ogni tanto. Le tue pagine social diventano noiose se tutto ciò che pubblichi e condividi è in formato di testo, quindi assicurati di usare regolarmente ciascuno di questi tipo di file per mantenere viva l’attenzione del tuo pubblico. Questo è anche un ottimo modo per aggiungere un tocco di personalità al tuo brand.

Sfrutta i sostenitori del tuo brand

Il tuo miglior strumento promozionale sono le persone che amano il tuo brand, che mostrano di apprezzare la tua attività sui social. Invece di limitarti a concentrare tutti i tuoi sforzi sulla ricerca di nuovi clienti, lavora proattivamente sulla tua fanbase.

Oltre ai tuoi attuali clienti, puoi anche impiegare i tuoi dipendenti come ambasciatori del tuo brand. Per fare ciò assicurati di:

  • Creare linee guida sui social media specifiche per il tuo brand.
  • Informare i tuoi sostenitori delle migliori pratiche sui social media.
  • Tracciare andamento delle campagne social per individuare le aree di miglioramento e quelle che stanno andando bene.

Crea profili sui canali rilevanti

Oggi si crede erroneamente che “esserci” su tutte le piattaforme social sia un vantaggio e perciò molti creano profili su tutti i canali social disponibili con l’obiettivo di raggiungere il maggior numero di persone possibile.

Sfortunatamente così facendo non raggiungerai il pubblico di destinazione prescelto. Di conseguenza, è fondamentale guardare i tuoi acquirenti quali canali social utilizzano.

La scelta dei social network su cui investire dipende da tre fattori molto importanti:

  • Dove i tuoi potenziali clienti sono più presenti (utilizzo, gruppi, ecc.).
  • Dove i tuoi potenziali clienti sono più attivi.
  • Dove i tuoi potenziali clienti rispondono maggiormente agli annunci (test richiesti).

Esegui campagne multicanale

Per coinvolgere ulteriormente i tuoi destinatari, esegui campagne multicanale su tutti i tuoi canali social.

Per distinguerti dalla concorrenza aggiungi una componente emotiva alle tue campagne sui social media in modo che il tuo pubblico possa interessarsi alla tua causa.

Per realizzare un’efficace campagna multicanale:

  • Racconta una storia avvincente.
  • Collegati a una pagina di destinazione specifica che fornirà al tuo pubblico maggiori informazioni sulla tua campagna.
  • Scegli un nome unico e memorabile e accompagnalo ad hashtag rilevanti.

Usa lo strumento “diretta”

Sì, i tuoi contenuti racconteranno la storia del tuo brand nel suo insieme, ma perché non condividere con il pubblico ciò che accade nella tua azienda in tempo reale?

Facebook e Instagram, tra le altre piattaforme, hanno creato le proprie funzionalità di live streaming, uno strumento che non è ancora utilizzato al massimo nemmeno dalle grandi aziende. Per assicurarti un vantaggio competitivo, inizia a utilizzare queste funzionalità dal vivo prima tu.

Le dirette sono un ottimo modo per:

  • Mostrare al pubblico il volto umano della tua azienda.
  • Coinvolgere e ispirare i tuoi clienti.
  • Creare contenuti condivisibili e memorabili.

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento oppure iscriviti al nostro portale sulla pagina Registrati per restare aggiornato su tutte le nostre iniziative. Puoi anche seguirci sulla pagina Supporto Marketing.

Giornalista, Web Editor e Copywriter. Mi appassiona ogni forma di comunicazione, in particolare nel contesto pubblicitario, con speciale interesse per lo studio dei linguaggi dei media digitali e del social web. Sono formatore esperta di Web Content Marketing e strategie di Marketing.

Content Marketing

Content Marketing: 10 Consigli degli esperti per il Copy efficace

Seth Godin, influente marketer americano, ha detto: “Il content marketing è l’unico marketing rimasto”.

Questa frase è sicuramente provocatoria e volutamente ad effetto, ma induce una riflessione: è possibile fare marketing senza i contenuti? Esiste marketing senza content marketing?

Cos’è il Content Marketing?

Il content marketing è quel marketing che prevede la creazione e condivisione di media e contenuti editoriali al fine di monetizzare un sito web. Queste informazioni possono essere esposte in una varietà di formati (testi, immagini, video, e-book, casi studio, infografiche, podcast, ecc).

Grazie ai contenuti è possibile monetizzare di più su Internet. I contenuti fanno la differenza e la misura del valore degli stessi è data dalla utilità delle informazioni condivise. L’utente che naviga in rete è stimolato da centinaia di messaggi al giorno e va a caccia di novità, aggiornamenti veri, approfondimenti.

Pubblicare contenuti di qualità che accrescano il valore delle persone in termini di esperienza e di conoscenza per generare traffico in target sul sito, per attirare potenziali clienti e convertire quelle visite in vendite è un’esigenza costante per chi lavora sul web.

Purtroppo però è difficile essere sempre originali e produrre continuamente copy efficaci.

Per aiutarti ad evitare l’esaurimento, superare i tuoi eventuali momenti di “blocco” e farti ottenere più risultati ti offriamo dieci consigli degli esperti professionisti della comunicazione per il copy perfetto.

Content Marketing: 10 Consigli degli esperti per il copy efficace

1) La pubblicità parte dalla ricerca

Tutti i grandi copywriter e pubblicitari conoscono bene l’importanza della ricerca. Lo stesso David Ogilvy, il padre della pubblicità, nel libro “La Pubblicità”  formulando 13 previsioni che avrebbero interessato il settore negli anni a venire ha sostenuto che la pubblicità avrebbe contenuto più informazioni e meno aria fritta.

Gary Bencivenga, allievo di Ogilvy e leggendario copywriter, ha dichiarato:

“I migliori copywriter sono i più tenaci ricercatori. Come i minatori scavano fino a quando non sono carichi di minerale prezioso..

La ricerca è la cura infallibile per il blocco dello scrittore “.

Più informazioni riesci a reperire, più possibilità hai di interessare e stimolare il tuo pubblico.

2) Caccia fuori la tua personalità

Ogni autore ed ogni brand ha la sua voce, il suo stile e la sua proposta unica di vendita (USP).

Ogilvy sapeva che costruire una “personalità fortemente definita” è il modo migliore (e talvolta l’unico modo) per distinguersi dalla concorrenza e guadagnare una quota di mercato più grande.

Prima di pubblicare qualsiasi cosa, assicurati chiaramente di evidenziare la personalità del tuo brand nonché di mettere in luce le esigenze e i desideri del tuo target di destinazione.

3) Scrivi un titolo potente

Il titolo deve catturare l’attenzione dell’utente in rete perciò deve annunciarsi come un colpo di fucile.

Se il titolo non funziona, il tuo copy ha ben poche possibilità di riuscita. Quando produci un nuovo contenuto elabora sempre più di un titolo e poi leggi ciascuno ad alta voce. Infine, scegli quello che ti suscita un’emozione più intensa.

Ricorda che il titolo deve essere breve e soprattutto molto chiaro, evita frasi complesse. Prospetta sempre un beneficio oppure offri una soluzione.

John Caples: “I titoli migliori sono quelli che richiamano vantaggi per il lettore”.

Eugene Schwartz: “Parlami di ciò che il tuo prodotto fa (non di ciò che è) e dimostra questo”.

Bob Bly: “Praticamente tutti i pezzi di copy di successo discutono di vantaggi”.

4) Rendi il tuo Copy visivamente attraente

L’inserzionista Leo Burnett ha sviluppato semplici icone per simboleggiare i vantaggi e il valore dei prodotti. Una delle sue regole di copywriting era quella di “rendere l’inserzione invitante da guardare” poiché se l’annuncio non è innanzitutto attraente per l’occhio, nessuno lo leggerà.

Ciò è ancora più valido oggi che l’inondazione di contenuti sul web sommerge gli utenti in rete. Per rendere il testo visivamente attraente devi fare attenzione al font adoperato, alla dimensione dei caratteri, allo stile, alla lunghezza dei paragrafi, ecc. Ricorda di aggiungere un’immagine evocativa.

Se il tuo contenuto non ha ciò che David Garfinkel chiama “appeal per gli occhi”, non verrà letto e condiviso.

5) Segui precisi e chiari obiettivi

La cura del content marketing è fondamentale ma deve avere una strategia alla base. Delinea qual è il tuo obiettivo (traffico, conversioni, interazioni, ecc.) e perseguilo.

Avere una grande libreria di contenuti può essere incredibilmente utile, ma solo se ogni pezzo ha uno scopo e si adatta al piano generale.

David Ogilvy ha anche detto: “Nel mondo moderno del business è inutile essere un pensatore creativo e originale, a meno che non sia anche possibile vendere ciò che crei”. Il contenuto intelligente fine a se stesso non produce alcun beneficio. Assicurati che i tuoi contenuti intrattengano il pubblico, incoraggino la fiducia e spingano soprattutto le vendite.

6) Vai controcorrente

David Ogilvy ha dichiarato: “Il talento, credo, è molto probabile che si trovi tra i non conformisti, i dissidenti e i ribelli”.

Sperimenta ciò che è diverso e nuovo perché potrebbe avere successo. Stringi relazioni con i non conformisti, coi dissidenti e con i ribelli nel tuo campo e vedi quali grandi idee potrebbero scaturire. Sblocca il tuo flusso di pensiero razionale e consenti al tuo subconscio di creare connessioni tra le idee.

7) Usa il linguaggio del tuo destinatario

Parlare usando il linguaggio proprio del tuo cliente ideale ti aiuta a farti conoscere e a conquistare velocemente la sua fiducia perché si riconosce nelle tue parole. Ciò ti aiuta a costruire relazioni e a risultare più persuasivo.

Revisiona più volte il tuo contenuto e assicurati che tutto suoni come pensano i tuoi clienti. Mettiti nei loro panni. Non solo il tuo copy sarà migliore grazie a questo esercizio, ma uscendo dal tuo modo di pensare puoi avere nuove idee e trovare nuovi spunti.

8) Provoca emozioni

Il trucco per infondere emozioni attraverso i tuoi contenuti è porti una semplice domanda prima di iniziare qualsiasi stesura: “Qual è il desiderio più profondo del mio prospect adesso?”

Sono tanti i bisogni e gli stati d’animo sui quali puoi fare leva, ma ricorda che le fondamentali emozioni universali – le più forti non governate dal pensiero razionale – sono sette:

1) Paura;

2) Tristezza;

3) Gioia;

4) Disprezzo;

5) Disgusto;

6) Sorpresa;

7) Rabbia;

9) Costruisci la tua credibilità

Un altro copywriter di grande successo, Steve Slaunwhite , ha dichiarato: “Durante la mia esperienza ho appreso che la chiave principale della persuasione è questa: comunicare fiducia. Se lo fai bene, hai la possibilità di impegnare e di convincere il lettore. Se non lo fai bene, tuttavia, nessuna quantità di fantasiose tecniche di copywriting ti salverà “.

È possibile costruire credibilità citando quali credenziali:

  • Garanzie e norme sulla privacy;
  • Testimonianze e dati sul tuo track record;
  • Anni di attività e di esperienza;
  • Innovazioni e premi;
  • Pubblicazioni;
  • Appartenenza ad ordini professionali;
  • Sigilli di approvazione;
  • Risultati e stime numeriche;
  • Copertura mediatica;

10) Invita continuamente all’azione

Chiedi continuamente al destinatario di fare qualcosa, il tuo contenuto deve essere permeato da un tono esortativo. Tutti i tuoi copy, dai post alle email, dagli aggiornamenti social alle pagine di destinazione, devono incitare il destinatario a compiere un’azione specifica. Chiudi sempre con una chiamata all’azione (CTA). Per ottenere il massimo dal tuo CTA, assicurati di:

  • Rivolgerti direttamente al tuo potenziale acquirente;
  • Offrire valore;
  • Rispondere concretamente alle esigenze del tuo cliente;
  • Rimarcare il beneficio connesso alla tua proposta oppure il tuo pilota emotivo più importante;

Se l’articolo ti è piaciuto, lascia un commento oppure iscriviti al nostro portale sulla pagina Registrati  per saperne di più. Puoi anche seguire i nostri aggiornamenti su Supporto Marketing.

 

Giornalista, Web Editor e Copywriter. Mi appassiona ogni forma di comunicazione, in particolare nel contesto pubblicitario, con speciale interesse per lo studio dei linguaggi dei media digitali e del social web. Sono formatore esperta di Web Content Marketing e strategie di Marketing.

essere differente

3 Consigli per essere “differente” sul mercato

 

Innovazione, sperimentazione e coraggio per essere competitivo.

Hai paura che la tua azienda possa sprofondare a causa della concorrenza?

Intendi fondare una startup e ti piacerebbe sapere come riuscire a darle un’identità distintiva?

“Differente” , il libro di Youngme Moon, contiene le risposte che stai cercando.

L’autore è uno dei massimi esperti di strategie innovative di marketing e si rivolge a tutte quelle aziende che vogliono differenziarsi sul mercato. Farlo può essere rischioso, sono necessari impegno e creatività, accompagnati da un’incessante sperimentazione, eppure i risultati assicurano successo e soddisfazioni.

Youngme Moon lo dimostra chiaramente nel suo manuale: lasciati guidare attraverso un percorso che parte dall’analisi delle regole del mercato fino a giungere a ribaltarle e sovvertirle.

Tre sono gli snodi principali di questa avventura, al termine della quale sarai perfettamente in grado di dar vita a un brand innovativo, espressione solo delle tue idee e delle tue inclinazioni, perché vinci se sei “differente“.

3 Consigli per essere “differente” sul mercato:

1) Attento al consumatore

Il mondo della concorrenza non è così vario come sembra, spesso assume l’aspetto di un vero e proprio gregge. Infatti, quando una categoria merceologica riesce ad affermarsi, immediatamente le aziende come buone pecorelle convergono verso lo stesso obiettivo e danno vita a quella che Youngme Moon chiama “omogeneità eterogenea”.

L’istinto del gregge porta a frenare l’inventiva e l’unico cambiamento preso in considerazione è il perfezionamento del prodotto preesistente: un miglioramento e un progresso solo apparente che non ripaga con una reale crescita sul mercato.

Le aziende assorbite dalla logica del gregge perdono di vista il consumatore e questo è un errore che si paga caro, soprattutto oggi che le pratiche di consumo sono diventate quasi sinonimo di identità.

2) Vai controcorrente

Per un’azienda la carta vincente da giocare è la fuga dalla concorrenza. Questo vuol dire andare controcorrente e prendere una direzione nuova e originale, senza farsi soffocare dal grigiore dell’uniformità; se l’idea è buona e si hanno le competenze e le capacità di promuoverla nel modo giusto il rischio sarà ripagato perché è solo questa la strada del vero successo.

Farlo è semplice lasciando aperte le porte all’immaginazione e soprattutto ponendo al centro dell’attenzione il cliente e le sue esigenze. Offrire una realtà alternativa in grado di superare le sue aspettative e di dar voce a bisogni inespressi ti offrirà la chiave per conquistare la sua fiducia, la sua affezione e la sua fedeltà nel tempo.

3 Eccezioni alla regola generale:

La storia del marketing moderno ci offre alcuni esempi di eccezioni vincenti alla regola generale che  Youngme Moon ripropone come modelli da seguire.

Ecco le 3 tipologie di brand che possono condurti al successo:

a) Il brand dal posizionamento capovolto: si tratta di un brand che decide di sottrarsi ai trend di espansione all’interno di una specifica categoria ormai ipermatura; infatti, il continuo progresso e miglioramento può inaspettatamente rivelarsi controproducente. Non aver paura di andare controcorrente, snellendo la tua offerta eliminando gli elementi superflui: a vincere sono la chiarezza e la semplicità.

Un esempio lampante è la nascita di Google: la sua pagina spoglia e, per questo, essenziale e pulita gli ha permesso di lasciare indietro tutti gli altri motori di ricerca, sovraffollati di elementi.

b) Il brand defezionista: questa tipologia di brand non nuota controcorrente, ma si spinge oltre, allargando i confini della categoria. Per dar vita a un brand defezionista basta mantenere una parte dell’idea originale e ad aggiungere novità per dar luogo a qualcosa che sia percepito come diverso, modificando anche la percezione del consumatore e il suo atteggiamento.

Un esempio? AIBO di Sony, un robot domestico con l’aspetto di un cucciolo. Il dispositivo si allontanava dall’archetipo del robot per richiamare alla mente dei consumatori quello di animale, spingendoli a perdonare i suoi difetti e le sue mancanze.

c) Il brand ostile: è un brand che non ha paura di nulla; si presenta al pubblico con tutti i suoi difetti, non scende a compromessi, non segue le tendenze del momento, sfida e seleziona il suo pubblico. Acquistare un brand ostile significa differenziarsi e compiere una scelta che parla di sé, lasciando emergere la propria personalità. Offri con coraggio al tuo pubblico il mezzo per fuoriuscire dal mare dell’anonimato e dell’indifferenza, il rischio paga.

3) Sii differente nel modo giusto

L’unico modo vincente per essere “differente”: l’allontanamento dalla media deve essere pieno di significato e parlare al pubblico, toccandolo nel profondo. Ci vuole impegno nei confronti del cambiamento che deve essere in primo luogo concettuale, perché rinnovamento non significa necessariamente innovazione, l’importante è parlare e rispecchiare l’essere umano con le sue contraddizioni.

Punta all’eccezione, ricordando, come dice Youngme Moon, che questa nasce dall’ascolto, dall’osservazione, dall’assimilazione e dal rispetto per arrivare alla totale comprensione dell’altro.

Il valore aggiunto del testo che lo rende prezioso è la capacità di spiegare concetti fondamentali del business e del posizionamento del brand con un linguaggio accessibile a tutti ed attraverso una prospettiva inedita.

Se hai trovato interessante l’articolo e vuoi approfondire queste tematiche, registrati sul sito per ricevere aggiornamenti e altri consigli, oppure segui il nostro profilo Twitter Supporto Marketing.

x
Login